Venerdi, 22 settembre 2017 ore 01:03
Italian English French German Portuguese Spanish

Log-In

La salute nei campi profughi in Algeria è da sempre, insieme all'educazione, la priorità della RASD. Nel corso degli anni è stato creato un sistema sanitario di base in tutti e cinque i campi (wilaya) Questo sistema è sufficiente per la prevenzione, ad esempio con il programma di vaccinazione, per la diagnosi e la cura delle patologie più ricorrenti e meno gravi, o per assicurare una maternità il più possibile priva di rischi.

 

Per le patologie più complesse sono necessari programmi speciali con interventi di equipe mediche straniere, o la cura all'estero.

 

In Italia il caso più frequente è quello dei bambini accolti durante le vacanze estive. Gli esami medici obbligatori cui i gruppi dell'Accoglienza dell' ANSPS sottopongono i bambini, evidenziano talvolta patologie non rilevate dal sistema sanitario nazionale sahrawi. Nei casi più gravi si rende necessario un ricovero e un intervento in Italia, in strutture più idonee.

 

L'ANSPS ha messo a punto, nell'osservanza delle norme attuali, un Progetto sanitario specifico per i bambini sahrawi che necessitano un soggiorno per motivi sanitari molto più lunghi dei due mesi estivi (luglio-agosto) del Programma dell'Accoglienza.

 

La DG Immigrazione, presso il Ministero del Lavoro, che ha sostituito dal settembre 2012 il Comitato Minori Stranieri, non consente che il Programma dell' Accoglienza estiva venga utilizzato ai fini delle cure mediche oltre i due mesi di permanenza. Le normative impongono infatti, in questo caso, procedure diverse, che peraltro esulano dalle competenze del Ministero  e della sua DG.

 

Le associazioni e gli EE.LL. che desiderano farsi carico di un Progetto sanitario possono prendere contatto con l' ANSPS per informazioni e per essere accompagnati nella messa in opera ed approvazione del Progetto sanitario. Scrivere a : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  precisando identità, patologie ed eventualmente strutture già identificate per gli interventi sanitari.

primi sui motori con e-max

universitàlogo

iniziative

  

logo3facebook